Fraternità e Amicizia Società Cooperativa Sociale Onlus

Progetti

Progetto TecnoLogica Mentis

La sperimentazione in corso con il Politecnico di Milano

La tecnologia è un ampio settore di ricerca, nel quale sono coinvolte varie discipline, per studiare l’applicazione e l’uso di tutto ciò che può essere funzionale alla soluzione di problemi pratici e alla scelta di strategie operative per raggiungere un determinato obiettivo. Alla luce di questo è nata una forte collaborazione tra la nostra Cooperativa e il Politecnico di Milano, attraverso l’I3Lab.

Nel novembre del 2016 si è avviato uno studio pilota (tuttora in corso) che prevede l’utilizzo di alcuni robot ed applicazioni informatiche per stimolare e sviluppare la percezione psicocorporea, le autonomie personali e il benessere. Il progetto ha coinvolto vari utenti con disabilità grave, con sessioni individuali di somministrazione di 15 minuti l’una. Durante la progettazione e la somministrazione è stato possibile sviluppare delle line guida di intervento e un manuale di utilizzo, con esercizi specifici, definizione del setting e delle modalità di interazione. Dal progetto sono derivate tre pubblicazioni scientifiche:

  • Exploring Engagement with Robots among Persons with Neurodevelopmental Disorders.
  • Dolphin Sam: A Smart Pet for Children with Intellectual Disability
  • A Robotic Companion for Dolphin Therapy among Persons with Cognitive Impairments.

e la partecipazione per ad un convegno internazionale a Lisbona: “IEEE International Symposium on Robot and Human Interactive Communication, RO-MAN 2017”

I primi robot utilizzati sono stati 3, presentati sotto forma di peluche. Grazie alle caratteristiche di progettazione e alla possibilità di introdurre stimoli e reazioni controllate dei robot, abbiamo approntato un protocollo di esercizi specifici mirati a sviluppare le autonomie e a potenziare alcune competenze cognitive e psico-corporee. La mediazione di questi strumenti ha potuto stimolare l’attenzione a la motivazione a svolgere i compiti assegnati, migliorando lo stato di benessere e la loro partecipazione attiva. I soggetti coinvolti nella sperimentazione hanno acquisito nozioni sia temporali che spaziali rispetto ad autonomie personali, come la giusta sequenza per lavarsi i denti, la modalità per organizzare temporalmente la giornata e per definire ed individuare correttamente la lateralità Dx/Sx e le varie parti del corpo.

Siamo quindi consapevoli dell’enorme potenziale che questi strumenti smart ed interattivi potranno esprimere nel futuro dell’educazione di persone con disabilità.

Il progetto TecnoLogica Mentis è rivolto oggi a ragazzi con differenti livelli di disabilità e fragilità per fornire supporto psico-educativo e operativo per l’acquisizione di autonomie e competenze specifiche. Punto focale di questi approcci è quello di sviluppare esperienze, trasformando una normale stanza in un ambiente multisensoriale interattivo, con le quali gli individui interagiscono attraverso la manipolazione di “oggetti smart” e i movimenti del corpo nello spazio. Le esperienze potranno essere facilmente personalizzate sulle esigenze specifiche della persona e sulla sua evoluzione in tempo reale, adattando gli stimoli e gli obiettivi al percorso di crescita e di apprendimento intrapreso dal soggetto. Oltre a sviluppare interventi specifici per i fruitori, l’obiettivo è di creare una libreria virtuale di esperienze, stimoli e materiali informatici replicabili ed adattabili ad personam, oltre che di approntare manuali d’uso delle relative esperienze, in modo da allargare le possibilità d’intervento ad altri soggetti e ad altre sedi, e coinvolgere così gli operatori e le famiglie dei ragazzi nel percorso di emancipazione.

Le tecnologie interattive utilizzate possono rappresentare un enorme facilitatore sia nello svolgimento delle attività quotidiane sia nella comunicazione e nella relazione; ciò vale nella popolazione in generale ma ancor più per le persone con disabilità. Grazie alla collaborazione attiva e pro-attiva con il Politecnico di Milano, il progetto si propone di individuare per ogni area e per ciascun obiettivo un’esperienza multisensoriale specifica.

L’adozione di questo tipo di strumentazione tecnologica potrà favorire un consolidamento delle competenze psicoeducative degli operatori del settore, grazie alla possibilità di registrare e analizzare i dati di monitoraggio dei progressi e della curva di apprendimento, rispettando maggiormente i tempi e le esigenze di ciascun soggetto e della sua famiglia.

Il progetto potrebbe fornire inoltre supporto ai familiari dei ragazzi, accompagnandoli alla comprensione dell’evoluzione delle autonomie, allo sviluppo di competenze educative in grado di facilitare la strutturazione dell’ambiente e delle abitudini domestiche.